Home Laboratori
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Museo Canova

Museo - Gipsoteca

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Museo Gipsoteca Canova

Giocare con Canova: Laboratori didattici

E-mail Stampa
Indice
Giocare con Canova: Laboratori didattici
Alla scoperta del colore
Ago, filo e altri miti
Le tempere di Antonio Canova
Laboratorio di argilla
Il ritratto: espressione dell'anima
Recitiamo la storia
L'incisione
Tutte le pagine

Laboratori e percorsi didattici per le scuole

A cura di Fondazione Canova, realizzati in collaborazione con l'Associazione "Amici del Canova"

Il museo rappresenta il luogo dell’incontro con la cultura. E’ uno scrigno che contiene il passato e il futuro, la tradizione e l’innovazione. La didattica museale è abbinata con le sezioni del museo e della Gipsoteca e si propone di attuare una sinergia con la Scuola dove gli alunni assumono il ruolo di attori principali.

Compito dei percorsi didattici che saranno descritti in queste pagine è quello di supportare l’insegnamento scolastico delle materie principali quali la storia dell’arte, la letteratura, la storia e le lingue straniere rielaborate in maniera originale per coinvolgere e interessare gli alunni. Acquisire tecniche e conoscenze del nostro immenso patrimonio artistico rafforzando l’abbinamento tra museo arte e divertimento.

Ogni Laboratorio ha il costo di euro 50,00 ed è comprensivo di materiali per l'attività. Il costo del laboratorio è in aggiunta la costo del Biglietto.

 


ALLA SCOPERTA DEL COLORE

Il laboratorio ha l'obiettivo di coinvolgere i bambini più piccoli in Museo attraverso la magia dei colori. I bambini dopo aver visitato il museo in modo coinvolgente, si metteranno "al lavoro" nella scoperta dei colori: prima verranno messi a loro disposizione i colori primari e i cilindri graduati per scoprire sperimentalmente i colori, poi saranno chiamati a riassumere le loro scoperte in un libricino che ciascuno di loro si porterà a casa.

A chi è rivolto: Scuola dell’infanzia, scuola primaria (classi I e II)
Durata: 2,30 h
Numero studenti: max 20
Materiali usati: cilindri graduati, acqua, coloranti alimentari, carta, acquerelli, pennelli



AGO, FILO E ALTRI MITI

Il laboratorio vuole far conoscere i miti classici tramite le statue che li descrivo presenti in Museo.

Dopo aver raccontato loro un mito, gli alunni saranno chiamati a confezionare un personale taccuino, imparando la tecnica di “rilegatura giapponese”, dove potranno riassumere nel disegno il mito appreso. Il disegno su taccuino era la stessa tecnica che seguiva Canova prima di cimentarsi nella scultura.

A chi è rivolto: scuola primaria e secondaria di primo grado
Discipline interessate: educazione artistica, storia dell’arte, letteratura
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: matita, gomma, carta, cartoncino, forbici, filo, ago



LE TEMPERE di ANTONIO CANOVA

Antonio Canova aveva realizzato 32 piccole tempere. Dopo una visita guidata mirata alla casa natale dell’artista di Possagno ed aver preso visione dei dipinti e dei ritratti dello scultore, i partecipanti potranno approfondire la tecnica della pittura con la tempera come faceva Antonio Canova.

In questo ambito tematico l’insegnante ha la possibilità di scegliere tra due diversi percorsi.

Percorso 1:

Dopo la visita, un operatore farà una piccola dimostrazione su come Canova preparava i pigmenti con l’albume d’uovo e l’acqua per ottenere i colori desiderati e successivamente dimostrerà come Canova realizzava le tempere. Ogni ragazzo poi sarà chiamato a dipingere con le tempere un soggetto scelto tra i molti presenti in museo.

A chi è rivolto: classi IV e V della scuola primaria e scuola secondaria di primo grado
Discipline interessate: educazione artistica, educazione tecnica, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: tavolozza, pennelli, terre o pigmenti, pietre, tempere, cartoncino, acqua, colla, forbici

Percorso 2:

Dopo un’attenta visita al Museo gli studenti saranno chiamati a riprodurre con la tecnica dei pastelli un soggetto tratto dalle tempere canoviane precedentemente analizzate.

A chi è rivolto: classi IV e V della scuola primaria
Discipline interessate: educazione artistica, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: carta da lucido, cartoncino rigido, pastelli, matita, gomma, forbici



LABORATORIO DI ARGILLA

L’argilla è una costante artistica all’interno della tecnica canoviana. All’interno della Gipsoteca infatti si può ammirare una delle collezioni di terrecotte molto suggestiva prodotte da Antonio Canova nell’arco della sua vita. Tale materiale sarà al centro di tre diversi percorsi che prevedono diversi gradi di difficoltà.

Percorso 1: Manipolare l’argilla

Dopo aver realizzato una visita guidata mirata alla Gipsoteca e alla casa natale dell’artista gli alunni potranno approfondire la conoscenza dei metodi di lavoro di Antonio Canova e successivamente parteciperanno ad un laboratorio realizzando con l’argilla dei modellini, come l’artista di Possagno usava fare prima della realizzazione dei celebri marmi.

A chi è rivolto: scuola primaria e secondaria (esclusa 3 media)
Discipline interessate: Educazione artistica, educazione tecnica, manipolazione, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: argilla, acqua
Altro: ogni studente dovrà munirsi di una scatola per poter portare a casa l’oggetto creato durante il laboratorio

Percorso 2: Sculture tridimensionali

Questo laboratorio si pone come passo successivo alla semplice manipolazione dell’argilla. Dopo aver conosciuto le tecniche di lavoro proprie dello scultore gli alunni saranno chiamati a produrre un manufatto tridimensionale con l’argilla creando un supporto alla figura con l’aiuto di filo di ferro.

A chi è rivolto: scuola secondaria di primo e secondo grado (esclusa 3 media)
Discipline interessate: Educazione artistica, educazione tecnica, manipolazione, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: argilla, acqua, filo di ferro, tronchesi
Altro: ogni studente dovrà munirsi di una scatola per poter portare a casa con sé l’oggetto creato durante il laboratorio

 


Percorso 3: Tra gesso e argilla, il calco

Gli alunni saranno chiamati a costruire un proprio manufatto originale in gesso dopo aver realizzato una stampa o un disegno inciso su una matrice in argilla. Il laboratorio nasce come approfondimento delle problematiche del lavoro dello scultore e delle tecniche e materiali usati.

A chi è rivolto: scuola secondaria di primo grado (classi II e III), scuola secondaria di secondo grado
Discipline interessate: Educazione artistica, educazione tecnica, manipolazione, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 20
Materiali usati: argilla, acqua, gesso, telaio in legno
Altro: ogni studente dovrà munirsi di una scatola per poter portare a casa con sé l’oggetto creato durante il laboratorio


IL RITRATTO: ESPRESSIONE DELL’ANIMA

Il museo custodisce molti ritratti dell’artista e dei protagonisti della storia dell’Europa del XIX secolo. Agli studenti verrà data la possibilità di scegliere tra i molti ritratti disponibili in museo uno da riprodurre scegliendo liberamente tecniche e supporto tra molte diverse opzioni.

A chi è rivolto: Scuola secondaria di primo e secondo grado
Discipline interessate: educazione artistica, storia dell’arte
Durata: 3 h
Numero studenti: max 25
Materiali usati: matite, gomma, forbici, pastelli, colori a cera, gessetti, carboncino, carta da lucido, carta da pacchi, cartoncino rigido



RECITIAMO LA STORIA

Dopo aver realizzato una visita guidata al Museo incontrando molti protagonisti della storia dell’Europa del XIX secolo, i ragazzi potranno approfondire la conoscenza di alcuni personaggi storici e delle loro relazioni con Antonio Canova. Si tratta di un laboratorio teatrale dove gli alunni calati in un’atmosfera ottocentesca indosseranno gli abiti dell’epoca. I partecipanti sulla base di un copione già elaborato saranno chiamati a recitare le parti dei vari personaggi.

Tutti i dialoghi proposti sono tratti da vere conversazioni documentate in diari e memorie del tempo, riadattate per avvicinarle ad un pubblico contemporaneo.

Percorso 1: Canova e Napoleone

Il laboratorio si compone di due dialoghi incentrati sul rapporto Canova-Napoleone.

Il primo dialogo è ambientato nel castello di Fontainebleau. Napoleone e gli altri membri della sua famiglia, nominati re, principi e regine in varie parti d’Europa, accolgono Canova appena arrivato in Francia per realizzare nuove opere. Napoleone, tra le altre questioni, gli offrirà la direzione del Louvre.

Personaggi Principali: Canova, i fratelli Bonaparte (Napoleone, Luigi, Giuseppe, Carolina, Paolina) e la madre.

Il secondo dialogo è ambientato alla fine del periodo napoleonico, Canova viene nominato dal Papa ambasciatore. L’ardua missione affidatagli è di far rientrare in Italia le numerose opere trafugate da Napoleone durante la campagna d’Italia per essere esposte al Louvre. Si scoprirà come, tra molte difficoltà, Canova riuscì a portare a termine la missione.

Personaggi Principali: Canova, Metternich, Tayllerand, Luigi XVIII di Francia, Papa Pio VII, Francesco I d'Austria, Cardinal Consalvi.

Il laboratorio su richiesta può essere effettuato in lingua francese (lingua in cui avvennero i dialoghi).

Percorso 2: I viaggi di Canova

Il laboratorio racconta il viaggio per l'Europa del 1815. Canova infatti prima si recò a Parigi come ambasciatore per la missione sopra descritta, poi continuò e raggiunse l'Inghilterra. Fu invitato a Londra per ricevere nuove commissioni, tra cui le sue famose Tre Grazie, e per esprimere il suo parere sui marmi di Lord Elgin asportati dal Partenone e portati in Inghilterra. Nel dialogo Canova viene invitato a Buckingham Palace dove conoscerà il Reggente Giorgio IV, il padre pazzo Re Giorgio III e i membri della Royal Accademy of Art impazienti di ascoltare il giudizio del "Fidia moderno" sull'autenticità dei marmi antichi

Il laboratorio su richiesta può essere effettuato in lingua inglese (lingua in cui avvennero i dialoghi).

A chi è rivolto: scuola secondaria di primo e secondo grado
Discipline interessate: storia dell’arte, storia, lingua inglese e francese
Durata: 3h
Numero studenti: max 25


L’INCISIONE

Il legame con l’incisione che Antonio Canova sviluppa a partire dal 1800 è una parte importante della diffusione e della conoscenza delle sue opere. Gli alunni potranno conoscere e sperimentare una tecnica così complessa e affascinante producendo un manufatto personale partendo da un disegno da loro realizzato a scuola.

A chi è rivolto: Scuola secondaria di primo (classe II e III)e secondo grado
Discipline interessate: educazione artistica, storia dell’arte, educazione tecnica
Durata: 3 h
Numero studenti: max 20
Materiali usati: carta, sgorbie, linoleum, inchiostro tipografico, rullo, mattarello, torchio a pressione
Altro: il laboratorio verrà attivato a partire da Marzo 2017 gli alunni che intendono partecipare al laboratorio devono portare al momento della visita un disegno precedentemente eseguito delle dimensioni che verranno indicate al momento della prenotazione.