Home
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Museo Canova

Museo - Gipsoteca

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Museo Gipsoteca Canova

2007 La biblioteca di Canova: Tra collezione e ricerca

E-mail Stampa

In occasione delle celebrazioni per i festeggiamenti del 250° anniversario della nascita di Antonio Canova (Possagno 1757- Venezia 1822) e della presentazione di un nuovo quaderno del Centro Studi Canoviani di Possagno, curato dal Prof. Giuseppe Pavanello, e dedicato alla Biblioteca di Antonio Canova, la Fondazione Canova Onlus, in collaborazione con il Comune di Possagno e con il Comitato regionale per le celebrazioni del 250° Anniversario della nascita di Antonio Canova propongono un suggestivo percorso espositivo nella biblioteca di Antonio Canova.
Antonio Canova nel corso della sua attività artistica venne a collezionare e a raccogliere centinaia di volumi preziosi, antichi (comprendenti anche notevoli edizioni cinquecentine) e moderni (tra questi la grande Enciclopedia Francese edita dai francesi Diderot e D’Alambert). Le edizioni da lui possedute erano tra le più prestigiose stampate in quell’epoca e spesso gli editori inviano allo Scultore il loro volume fresco di stampa per poterne ricevere un commento o una critica o, più semplicemente, per farne omaggio ad uno degli uomini più conosciuti di quel tempo.

 

Tali libri, che si caratterizzano per la loro rara bellezza ed il loro sapore di antico, non si limitavano ad una mera funzione di erudizione culturale dell’Artista, ma avevano anche una particolare rilevanza pratica in quanto servivano allo Scultore per la realizzazione delle sue opere, fedeli alla narrazione del mito. Antonio D’Este, grande amico e biografo del grande Scultore di Possagno ci ricorda che Antonio Canova si faceva leggere i passi degli autori classici, proprio mentre andava a creare i suoi magnifici modelli (ispirati ad opere di autori antichi quali Omero, Ovidio e Apuleio).
L’esposizione di Possagno farà conoscere al visitatore e all’appassionato di Canova (attraverso volumi, fotografie, oggetti di collezione e opportuni apparati didascalici) la passione dello Scultore per la collezione di libri, la rilevanza e l’importanza della sua biblioteca, la sua funzione e la collocazione attuale dei volumi che ne facevano parte.
Il Visitatore rimarrà affascinato nel ritrovare l’autografo di Canova sui volumi da lui posseduti.
Un’apposita sezione ricreerà il momento creativo dell’opera d’arte canoviana attraverso il passaggio dallo studio del testo classico alla creazione del modello, fino alla realizzazione dell’opera finale.
Il percorso della mostra consentirà di far scoprire al visitatore come Antonio Canova non fosse soltanto il grande Scultore che tutti noi conosciamo, ma un uomo di grande cultura, anche un appassionato collezionista di monete antiche, tanto che assieme al fratellastro - l’abate Giovanni Battista Sartori Canova - venne a raccogliere centinaia di ‘medaglie’ imperiali e consolari romane, selezionandole minuziosamente attraverso l’acquisto di volumi di numismatica facenti parte integrante della biblioteca dell’Artista. Antonio Canova, avendo tra i suoi committenti le più importanti Corti Europee era un uomo straordinariamente aperto alle relazioni internazionali. I suoi viaggi nelle principali capitali europee, le sue prestigiose amicizie con gli uomini di cultura più noti d’Europa gli imponevano la necessità di esprimersi e di doversi confrontare con l’uso della lingua straniera. Nel suo studio della lingua inglese e francese si avvaleva delle più autorevoli edizioni di dizionari bi-lingue allora in commercio, ed esposti anch’essi in questa mostra.
Un’occasione per tutti da non perdere. L’esposizione apre sabato 19 maggio 2007 e rimarrà aperta fino al 15 luglio 2007 osservando gli stessi orari della Gipsoteca Canoviana di Possagno (per informazioni dettagliate, www.museocanova.it; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; book-shop, tel. 0423 544323).